Fratta S.Caterina — A.Piancastagnaio

Fratta S.Caterina — A.Piancastagnaio

Si va avanti con il pareggio al 118′ ed una superparata di Risorti al 120′

Domenica ce la giochiamo contro il Montieri

PAGELLE
FRATTA SANTA CATERINA
RISORTI: 8 Con almeno tre interventi da campione non fa rimpiangere Scasciafratti.
BIGOZZI 7 Mette la solita grinta sul rettangolo verde, non lascia vita facile ai rivali e pur colitosi
CELENTANO 6 Va in difficoltà quando viene preso in mezzo, ma ha il grande pregio di non arrendersi.
GIRONI 6 Dopo una mezz’ora da gladiatore nell’arena, è costretto ad alzare bandiera bianca per un taglio al sopracciglio. 27′ Mancini 5,5 Entra in campo a freddo e nel complesso non riesce a tappare i buchi in mediana.
DANESI 6,5 Con il suo sinistro educato fornisce un pregevole assist e dà il là all’azione del 3-3 definitivo.
BURRONI 6,5 Corre per tutti i 120′ con grande intelligenza e si mette totalmente a disposizione del proprio tecnico.
CERULO 6,5 Eccone un altro che dà l’anima in campo e suda dentro la maglia che indossa, sentendola come una seconda pelle. 94′ Landucci sv
MATTIUCCI 6,5 È uno dei pilastri del centrocampo rossoverde e sfrutta la propria esperienza per portare la propria barca fuori da ogni burrasca. 105′ Ismaili sv
PERUGINI 6 Apre la contesa con un gol di pregevole fattura, ma finisce troppo presto la benzina, venendo sostituito poco dopo la metà del secondo tempo. 72′ Zappacenere 6 Entra con il giusto piglio e contribuisce in maniera fattiva al conseguimento del risultato.
ANDERINI 7,5 Vista la scarsa forma del compagno di reparto, tiene per 120′ in piedi la propria squadra, realizzando il gol che la manda nella finale extra-girone. 120′ Vanni sv
DE FILIPPIS 5,5 Recuperato dopo due mesi in extremis per questa gara, si dimostra molto indietro di condizione e non incide sulla gara.
ATLETICO PIANCASTAGNAIO
SEVERINI 6,5 Subisce tre gol in maniera incolpevole e ne evita almeno altri due.
SCAPIGLIATI 7 Schierato da terzo centrale gioca un gran bel match senza sbagliare un pallone.
PAGANINI 5,5 Viene messo in grande difficoltà dalla verve di Anderini e soffre molto per arginarlo.
ALFIERI 6,5 Dopo una gara ben controllata, realizza un gol strepitoso che sembrava aver messo in discesa la vittoria amiatina.
AREZZINI 6 Corre sulla fascia e dà il suo bel contributo, finché il fiato gli regge.
BISCONTI 6,5 Sempre concentrato ed attento, lotta con ardore su ogni pallone, non lasciando nulla di intentato.
BOFFA 5,5 Tra il rigore fallito e la ferita in testa non è proprio la sua giornata, venendo sostituito a metà del secondo tempo. 68′ El Guerouani 4 17′ che gli bastano per entrare nel tabellino con un’entrata killer che gli costa la doccia anticipata.
SBROLLI 6 Fa il suo compitino senza problemi e segue alla lettera i dettami del proprio tecnico.
OMOACHKE 5 Dopo una partenza incoraggiante sparisce e non riesce ad incidere sulla contesa, con errori anche banali. 2′ sts Cappelletti sv
CAPPELLI 7 Timbra due gol di cui uno su rigore e nel complesso risulta una costante spina nel fianco della difesa rossoverde. 9′ sts Vagnoli sv
COPPI 6 È una buona spalla per Cappelli, pur venendo ben controllato dalla retroguardia di Gallastroni.
BUONCONVENTO
Fratta Santa Caterina, così è più bello; infatti allo Stadio Mauro Bellugi di Buonconvento, quando tutto sembrava perso, la squadra di Federico Gallastroni trova la zampata nel finale dei supplementari, riacciuffando per la coda il 3-3 e la vittoria dei play-off grazie al miglior piazzamento in classifica nella regular season. Per squadra, tifosi e tutto l’ambiente rossoverde, oggi privi dello squalificato Laferla e degli indisponibili Scasciafratti e Malentacchi, un pomeriggio per cuori forti, con il vantaggio iniziale, il pareggio subìto ad un passo dall’ intervallo dopo aver perso anche Gironi, il nuovo vantaggio in apertura di seconda frazione immediatamente riequilibrato dagli amiatini e poi, dopo essersi trovata in superiorità numerica, subire in chiusura di primo tempo supplementare il beffardo 2-3 dell’Atletico Piancastagnaio che sembrava sbarrare ogni sogno di gloria e poi infine a due minuti dal termine dei 120 minuti trovare il gol che invece apre le porte del Paradiso alla compagine chianina; adesso per entrarvi manca una sola sfida da disputare domenica prossima, ma questi ragazzi hanno dimostrato oggi una volta di più e nel complesso per tutta questa stagione agonistica di avere un grande cuore in grado di superare qualsivoglia ostacolo gli si pari davanti. Passando alla cronaca mister Gallastroni per la Fratta Santa Caterina, come detto privo di Laferla squalificato e di Scasciafratti e Malentacchi indisponibili, schiera un solido 4-4-2 con Risorti in porta, Bigozzi, Celentano, Gironi e Danesi in difesa, Burroni, Cerulo, Mattiucci e Perugini a centrocampo, con Anderini ed il rientrante De Filippis in attacco, mentre la formazione amiatina giostrava con un 3-5-2 camaleontico con Severini tra i pali, Scapigliati, Alfieri e Paganini in linea di retroguardia, Arezzini Sbrolli Boffa Bisconti e Omoachke in mediana, con Cappelli e Coppi in attacco; partenza come detto convinta della compagine rossoverde che al 5′ passa in vantaggio, quando su punizione dalla destra di Danesi, in mezzo all’area colpo di testa di Perugini che batte il portiere amiatino per l’1-0. La compagine guidata da Giacomo Buoni risponde dopo cinque minuti con una grande azione di Cappelli, palla in mezzo per Arezzini che si vede respingere il tiro sulla linea di porta; la squadra viola che doveva solo vincere per approdare al turno successivo al 19 ci riprova quando su cross di Sbrolli, colpo di testa di Cappelli, palla fuori di poco. Al 29 batti e ribatti al limite, la palla arriva ad Arezzini che con il sinistro prova a sorprendere Risorti, bravo prima respingere di piedi e poi a bloccare la palla con le mani; al 38′ Burroni perde una palla in maniera ingenua e inseguendo Coppi lo atterra in area, con l’arbitro che decreta il rigore, ma Risorti è bravissimo e respinge il tiro di Boffa. Passano sei minuti, azione tambureggiante dell’Atletico Piancastagnaio, Celentano tocca la palla con la mano e l’arbitro per la seconda volta indica il dischetto, con Cappelli che stavolta batte Risorti per l’1-1, risultato col quale si chiude il primo tempo; nella ripresa la Fratta Santa Caterina entra in campo convinta di voler portare a casa il risultato e al 46′ grande azione di Anderini, che si incunea in area, destro che il portiere respinge, tocco fortuito di Paganini, sulla palla si avventa Burroni che porta sul 2-1 i suoi. Passano solo 120″ e Cappelli prende palla e con il destro dal limite batte l’incolpevole portiere per il 2-2; al 63′ lancio per Anderini, tiro di esterno destro e grande parata di Severini che evita il peggio.Da qui a fine secondo tempo complice il caldo e l’importanza della posta in palio, non succede più nulla di rilevante,7 se si accetta la giusta espulsione di El Guerouani per un’entrata killer su Bigozzi all’85’ e la gara arriva così ai tempi supplementari; al 96′ Mattiucci supera un paio di avversari ed imbuca per De Filippis, destro del rientrante n°9 e grande intervento del portiere amiatino. Passano quattro minuti e su rimessa lunga, Anderini fa un lavoro da boa e serve l’accorrente Landucci, tiro da ottima posizione che termina di poco a lato; al 103′ arriva beffardo il vantaggio dei viola che li manderebbe in paradiso, quando Alfieri prende palla a centrocampo, avanza di qualche passo e da minimo 35 metri fa partire un missile che si insacca imprendibile per il portiere rossoverde, fissando il risultato sul 2-3, punteggio con il quale si arriva agli ultimi determinanti 15′. A questo punto la compagine di Gallastroni molla gli ormeggi, provando a riequilibrare il risultato al 111′ quando Anderini si accentra e di destro impegna Severini, bravissimo a rifugiarsi in angolo; al 118′ su lancio lungo di Danesi, Burroni spizzica di testa e dà via libera per Anderini, il quale tiene botta contro un avversario, si presenta a tu per tu con il portiere e lo infila per il 3-3. A questo punto la Fratta Santa Caterina tornata padrona del proprio destino cerca di contenere la veemente reazione degli amiatini, ma ci vuole Superman Risorti in giornata di grazia per volare a respingere l’ultima minaccia sul tiro in rovesciata di Vagnoli; al fischio finale è apoteosi rossoverde, con la formazione di Gallastroni a cui manca solo un piccolo sforzo per il ritorno in Prima Categoria.
MIRKO ZACCHEI