Gepponi Bis, rossoverdi volanti: Chianciano ko

FRATTA S.CATERINA-V. CHIANCIANO 3-2

FRATTA S.CATERINA:Risorti, Torniai, Del Pulito, Governatori, Bertocci, Brogi, Mancini, Sicuranza, Brini, Gepponi, Ngeri.

A disposizione: Guerrini, Castellani, Migliacci, Giorgetti, Hamiti, Pacchiacucchi, Maringola.

Allenatore: Tavanti

 

V. CHIANCIANO: Marianelli, Lodi, Amato, Barbetti, Daviddi, Fei, Esposito, Riccio, Rosadini, Cozzi, Bernetti.

A disposizione: Paolini, Massarelli, Benicchi, Baldazzi, Landi, Vata, Landi

Allenatore: Ferraro

Arbitro: Cilia sez. Empoli

Marcatori: 2’ e 47’ Gepponi, 23’ Bertocci, 33’ Cozzi, 62’ Bernetti

 

Ennesima vittoria per il Fratta S. Caterina che si conferma tra le squadre di vetta della seconda categoria, trascinata dalla bella prestazione del solito Gepponi.

Pronti via e dopo appena due minuti c’è il vantaggio locale: un difensore ospite tocca di mano in area e l’arbitro concede il penalty che viene realizzato dal n.10 Gepponi che spiazza l’estremo difensore Marianelli.

Al 23’ il raddoppio: una punizione dalla tre quarti viene spizzata di testa da Gepponi per la successiva ribattuta di Bertocci per il 2-0 locale.

Al 33’ gli ospiti si fanno sotto e trovano il gol: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Risorti smanaccia in malo modo e la palla varca la linea: 2-1.

Gli ultimi minuti del primo tempo sono caratterizzati da due nitide occasioni per entrambe le squadre, ma prima è bravo Brogi a salvare sulla linea e sul capovolgimento Ngeri non arriva sulla palla: si chiude così il primo tempo sul risultato di 2-1.

Il secondo tempo riparte come era iniziato il primo: 2 minuti e Gepponi trova il 3-1 superando l’estremo difensore avversario con un bel diagonale.

Passano 10 minuti e gli ospiti accorciano: punizione dal limite e Bernetti è bravo ad insaccare alle spalle di Risorti.

Dopo il 3-2 la partita non offre più occasioni degne di nota, se non diversi cambi di fronte e molte azioni confuse, per un Fratta che cerca il gol della sicurezza ed un Chianciano che tenta il pareggio che sarebbe stato un risultato ingiusto per il gioco espresso e per le occasioni avute.

Michele